Ti trovi in:

Home » Aree Tematiche » Diritto allo Studio » Assegni di studio

Assegni di studio

Si tratta di un beneficio concesso agli studenti che risiedono in provincia di Trento, iscritti presso le istituzioni scolastiche del sistema educativo provinciale nonché presso istituzioni scolastiche, anche paritarie, e istituzioni formative con sede fuori provincia, per la frequenza di percorsi di istruzione e formazione non presenti sul territorio provinciale, nonché gli studenti residenti in provincia di Trento iscritti presso istituzioni scolastiche e formative provinciali ma costretti a risiedere fuori famiglia ai fini della frequenza scolastica.

Indicativamente nel periodo che va da novembre a dicembre di ogni anno la Comunità della Vallagarina, mette a disposizione assegni di studio e facilitazioni di viaggio a favore di studenti residenti sul territorio in possesso dei requisiti richiesti, in base al rendimento scolastico e al reddito familiare (ICEF).

Per ogni informazione e/o chiarimento  è a disposizione il competente Ufficio Istruzione della Comunità al recapito telefonico 0464/484246 

Istruzioni per la raccolta delle domande relativamente all’anno scolastico 2017/2018

  1. prendere appuntamento con il Servizio Diritto allo Studio della Comunità della Vallagarina (tel. 0464/484246);
  2. se non sei già in possesso, chiedi la "Domanda unica 2017" (dichiarazione sostitutiva ICEF - reddito e patrimonio 2016 del nucleo familiare) ai CAAF;
  3. La domanda va consegnata entro le ore 12.00 di giovedì 7 dicembre 2017  (Tel. 0464/484246).

Nel caso di minorenni, la domanda deve essere presentata da uno dei genitori, anche adottivi o affidatari, o dalla persona che esercita la podestà dei genitori. Possono presentare domanda personalmente gli studenti maggiorenni.

Facilitazioni di viaggio

Possono chiedere un intervento di tipo economico anche gli studenti del secondo ciclo di istruzione e formazione, residenti in uno dei Comuni facenti parte della Comunità della Vallagarina, di età non superiore ai vent'anni a conclusione dell'anno scolastico di riferimento (7 giugno 2018) che vivono in zone non servite dal trasporto urbano in quanto assente. Il percorso deve essere superiore a  3 chilometri dell’abitazione.